Huawei Mate 20 Pro: Focus su ricarica e caricabatterie auto da 40W

30 Novembre 2018 28

Una delle caratteristiche che contraddistunguono il Mate 20 Pro rispetto ai competitor di pari fascia è, senza alcun dubbio, la capacità della batteria. Sebbene i 4200mAh non siano un record in senso assoluto, nel 2018 Mate 20 Pro è lo smartphone premium con la maggiore capacità. A questo si aggiungono una serie di caratteristiche uniche che permettono allo smartphone di sfruttare al massimo ricarica wirelles, type-c e non solo. Avendo avuto l'occasione di provare anche il caricatore auto da 40W, oggi vogliamo fare un focus sulle caratteristiche di ricarica del Mate 20 Pro.

Supercharger 2.0

In confezione con il Mate 20 Pro è stato incluso il nuovo caricatore proprietario di Huawei da 40W.

Questo riesce a raggiungere i 40W a 10V/4A, quasi raddoppiando il valore dell'attuale tecnologia SuperCharger utilizzata da Huawei, consentendo quindi di ricaricare la batteria del Mate del 70% in soli 30 minuti.

Per fare un confronto, la Dash Charge di OnePlus 6 permetta di raggiungere il 60% di ricarica nello stesso arco temporale, ma su ha una batteria da 3300mAh mentre, come deto, la Supercharge da 40W ricarica negli stessi 30 minuti il 70% una 4200mAh.

Durante i nostri live test il Mate 20 Pro si è dimostrato uno dei top di gamma con la migliore autonomia ma poterlo ricaricare cosi rapiamente è sicuramente un valore aggiunto importante e da considerare un plus per tutti coloro che stanno sempre attaccati allo smartphone.

Huawei Car Supercharger

La stessa tecnologia del nuovo caricatore da parete è stata portata all’interno del caricabatteria da macchina. Stessi voltaggio e amperaggio per ottenere gli stessi tempi di ricarica, con però la comodità di poterlo tenere in macchina e sfruttarlo tra uno spostamento e l’altro.

È presente inoltre una seconda porta USB (più lenta 5V/2A) per ricaricare contemporaneamente anche un secondo smartphone.

Basetta di ricarica Wireless

Anche in questo campo Huawei ha cercato di innovare un po’. Ovviamente non bisogna ricercare gli stessi tempi di ricarica che abbiamo via cavo, ma la nuova basetta di ricarica wireless da 15W è una delle più veloci sul mercato.

Nonostante permetta di ricaricare anche altri smartphone, solo il Mate 20 Pro supporta i 15W di corrente in entrata tramite la basetta wireless. Ovviamente essendo la tecnologia Qi, Mate 20 è compatibile con tutte le pià diffuse basette in commercio.

Reverse Charge

Veniamo ora alla vera novità che Huawei ha portato sul suo Mate 20 Pro e che ha stupito tutti gli addetti ai lavori in campo tech: la ricarica wireless dal Mate 20 Pro verso altri smartphone.

Basterà infatti attivare nelle impostazioni l’opzione, poggiare uno smartphone sul retro del Mate per vederlo ricaricare in modalità wireless. Ovviamente la velocità di ricarica non è da paragonare a quella di una basetta dedicata, ma è sicuramente una funzione in più che permette stupire gli amici.


Funzione che ha in realtà si rivela utile per aiutare gli amici con poca batteria quando non si hanno a portata di mano cavi o adattatori, soprattutto considerando l’amperaggio di 4200 mAh che si avvicina alle dimensioni di alcune powerbank.

Vanno comunque sottolineate 2 cose:

  • la reverse charge sebbene Qi non funziona con tutti i prodotti, anche se dotati di tecnologia Wireless. Nei nostri test i Samsung, sebbene mostrino la ricarica, in pratica non ricaricano.
  • inoltre questo sistema è energicamente molto svantaggioso. A fronte di un 5% di carica donata "all'ospite" Mate 20 Pro, acceso e connesso alla rete dati, perde circa il 18% di autonomia.
Conclusioni e futuro

Nei prossimi anni le aziende adotteranno sempre più soluzioni per migliorare i tempi di ricarica e la durata delle batterie e oggi vedere un’azienda impegnarsi così tanto verso questa direzione è sicuramente lodevole. Rimane come sempre l'incognita "vita" della batteria: si sa che maggiore è la velocità di ricarica, minore sarà la durata della batteria nel tempo. Alcune aziende stanno adottando soluzioni a doppia batteria, diminuendo forse la perdità di capacità nei mesi, altre invece non forniscono di serie caricatori rapidi.

Siamo quindi ancora in una fase molto transitoria dove la tecnologia, sebbene matura per esse implementata, non è detto sia necessariamente un vantaggio nel lungo periodo, ammesso e non concesso che i nostri lettori tengano uno smartphone più di un anno (tempo medio dopo il quale si nota un decadimento dell'autonomia).

Video

Huawei Mate 20 Pro è disponibile su a 819 euro.
(aggiornamento del 17 dicembre 2018, ore 20:01)

28

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Michele Cagnolati

Perdona il tono che ho usato.
Beh, pure la pistola termica, very pro.. :D
Di fatto mi sembra strano sia il comportamento regolare..
C'è un motivo particolare per cui non permettono di scegliere via software? Sarebbe l'ideale..

masnia

So benissimo che è il calore a rovinare la batteria ed è per questo che evito di usare il carica batteria originale perchè il telefono arriva a 46.3 C°, misurati con pistola termica, mentre con carica lenta si ferma a 21.4 circa.
Internamente la temperatura sarà superiore ai 46° quindi preferesco evitare di usarlo.

Michele Cagnolati

Ancora sta storia: questi caricabatteria hanno la particolarità di scaldare al posto del telefono, Le batterie si rovinano Con il CALORE, non con la velocità di carica..! Quello da tenere sotto controllo sono le temperature. Su OnePlus, esperienza personale, il dispositivo è su temperature paragonabili all'uso stress della GPU, quindi basse relative alla carica. Tu dici che il tuo dispositivo scalda, ma non dovrebbe essere così. ovviamente è una tua valutazione, magari è su temperature normalissime che non deterionano la batteria, quindi o ti stai spaventando per nulla (c'erano i Samsung ai tempi dell' S5 che diventavano dei forni, e si, quelli hanno bruciato tutte le batterie.), oppure il tuo dispositivo è fallato.

Smettiamola con sta storia che la ricarica rapida rovina le batterie.
È il CALORE a rovinare le batterie, è un'altra cosa.

MiniPaul

Samsung ha l’opzione e ti fa scegliere. Non vedo cosa ci sia di complicato nel metterla...

Nigel

che grammatica raccapricciante

Pasquale Eagles Stellacci

Ah,non avevano i stessi "w"?

Garrett

Idem. Anche se si ha il caricatore rapido, io uso un cavo con adattatore e così passa molta meno corrente.
La carica rapida la uso solo quando ho veramente bisogno

Fafner

I caricatori Huawei, anche il vecchio Supercharge per Mate 10 Pro, non supportano altri metodi di ricarica rapida oltre al SuperCharge proprietario. Niente Power Delivery. Quindi qualsiasi altro apparecchio collegato non andrà oltre lo standard di base USB. I Macbook ovviamente pretendono molto di più.

Fabios112

Anche Asus.

comatrix

Voglio vedere chi VERAMENTE da le proprie risorse agli altri tramite il proprio smartphone (a meno che no sia la tipa che ve le canta e ve le suona ^^)

Bruce Wayne

Se non ho fretta uso sempre un caricatore più lento.
Su un moto g5plus attivo da due anni questi fa ancora 3h di schermo a cui vanno sommate 2h e 30 m di telefonate. Tutto in 4g con tanti cambi cella.
P.s. da poco é arrivato Android 8 e non sembra aver cambiato nulla lato autonomia. Ci hanno messo tempo, ma almeno non hanno fatto danni
Su il mio iPhone SE poco da dire, non ha la ricarica rapida quindi il fatto che dopo 18 mesi la batteria sia costante non saprei dire se é merito o meno di non avere la carica rapida.
Invece un Nokia 6 sta in casa da soli 6 mesi ed ho fstto usare semore un caricatore lento. Vedremo come dura.

Brubri_
masnia

Ottimo, così sarebbe perfetto!

masnia

Inizia sempre con la ricarica rapida...

Mattia Cognolato

Si, uno e anche abbastanza velocemente

UmbeXXX

Gente di poca fede... Io ho un Mate 10 pro sempre ricaricato con caricatore veloce in poco più di un'ora. Dopo più di un anno la batteria è perfetta e mi fa ancora più di 6 ore di schermo. Honle patch di ottobre ed eun fulmine.
Con Samsung mi si brasava sempre la batteria e dopo meno di un anno cominciavo ad avere problemi.

Brubri_
LeoScorpio5

Ma hanno aggiunto la possibilità di scegliere se usare la ricarica rapida o normale??? O come sempre parte direttamente quella rapida? (perchè a lungo andare la batteria è da buttare!)

Alpha

Io ci ho provato con un dell xps e mi dice che è troppo lento per caricare da acceso...

Fabri Fina

la sony ci ha azzeccato. Impara i tuoi ritmi e la notte lo ricarica lentamente

Mattia Cognolato
masnia
sardanus

il macbook ha bisogno di ben altro voltaggio, questo va solo a 10V, il macbook vuole anche 15-16-19 V

Frà

Follia

Gatsu

Si, esatto... Per ricaricare uno smartwatch, giusto il tempo di arrivare a casa...

Scemo

Così la batteria è da buttare dopo soli 6 mesi

Galy

Ma se lo collego per ricaricare il macbook ad esempio, lo ricarica usando tutti i 40V o i 40V li raggiunge solo se collegato ad un prodotto compatibile con il supercharger? Per capire se ha senso prenderlo per avere un caricabatteria compatto, che può essere per tutti i prodotti che uno ha in casa....

Demetrio Marrara

Le Reverse Charge attualmente è solo una cosa figa da mostrare alle presentazioni e agli amici. La vedo comunque più utile per caricare accessori dello smartphone anziché altri smartphone.

Mentre per quanto riguarda la tecnologia di super ricarica non siamo certamente ai livelli raggiunti da Oppo con la sua Super VooC. Non perché manchino 10W, ma proprio come tecnica di ricarica in sè. Super VooC molto più sicura sia per l'utente che per la longevità dello smartphone.

Huawei Mate 20 Pro vs Nikon D810 | Video

Recensione Huawei Mate 20 Pro: 3 fotocamere per un nuovo punto di vista

RECENSIONE Huawei Mate 20 Lite: è un Selfie Phone ma la concorrenza è tanta

Huawei Mate 20 Lite: AI e 4 fotocamere a 399 euro | Video Anteprima