RECENSIONE Huawei Mate 20 Lite: è un Selfie Phone ma la concorrenza è tanta

10 Settembre 2018 164

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Ad un mese circa dal lancio di quello che sarà il prossimo top di gamma Huawei, l'azienda cinese porta sul mercato un nuovo prodotto che si inserisce in quella fascia di prezzo tra i 300 e i 400 euro che definire affollato appare fin troppo riduttivo. In questa forbice di prezzo troviamo infatti davvero tanti prodotti, tra nuove proposte e top di gamma dell'anno passato, che con il calo dello street price si trovano ora a competere proprio in questo segmento.

Mate 20 Lite è stato annunciato da poco e la sua commercializzazione, risalente a poco più di una settimana fa, porta un nuovo giocatore nella partita della fascia media, affollata, tra le altre cose, da una moltitudine di prodotti che portano sulla scocca lo stesso suo marchio. A partire da P Smart +, passando per i vari Honor Play e giungendo a Mate 10 Pro dello scorso anno, attualmente sempre più spesso proposto a meno di 400 euro. Insomma, è davvero una bella lotta e decretare un vincitore assoluto è quasi impossibile, ma noi speriamo comunque di darvi una mano nella vostra scelta con questa nostra recensione.

 

DESIGN, MATERIALI E ERGONOMIA

Il design di questo Mate 20 Lite è un mix di elementi che riportano alla mente le due famiglie di prodotti Huawei più note. Da un lato gli angoli arrotondati e le forma sinuose dell'ultima serie P, dall'altro le fotocamere posizionate in verticale al centro della scocca e in linea con il sensore delle impronte, veloce e molto preciso, sono di chiara derivazione Mate. Un prodotto sicuramente curato dal punto di vista estetico che offre anche materiali di buona qualità.

La parte posteriore dello smartphone è realizzata in vetro, così come quella frontale. La cornice è invece in materiale metallico, verniciata con una finitura lucida che, unita alle forme stondate dello smartphone contribuisce a renderlo un pochino scivoloso. Nulla di preoccupante ma nel corso della mia prova mi è capitato di farlo cadere un paio di volte per via proprio di questa scivolosità.

 

Cadute che hanno poi evidenziato l'utilizzo di materiali comunque ben resistenti; sulla scocca infatti non sono presenti danni visibili e la cornice è rimasta intonsa, verniciatura compresa.

Cornice che ospita il tasto di accensione e di regolazione del volume sul lato destro, Il carrellino con l'alloggiamento delle schede SIM su quello sinistro e jack audio, USB-C e speaker sul fondo. Tenete bene a mente, se siete interessati a sfruttare la doppia SIM che i due slot sono uno in formato Nano e l'altro in formato Micro.

 

Un appunto per quanto riguarda, invece, il design della parte frontale, dove spicca inesorabile il notch, studiato per ridurre al minimo le cornici su tutti i lati dello smartphone. Un passaggio probabilmente sfuggito ai progettisti di questo smartphone che, nonostante il notch, offre un display circondato da un profilo nero piuttosto evidente.

Per concludere segnaliamo la mancanza di qualsivoglia certificazione contro le infiltrazioni di acqua e polvere.

DISPLAY

Come appena detto nella parte frontale troviamo un ampio display che misura ben 6,3 pollici di diagonale e offre risoluzione fullHD+ e un rapporto d'aspetto di 19,5:9. Il pannello è di tipo IPS, come nel caso di tutte le soluzioni del marchio cinese in questa fascia di mercato.

Si tratta comunque di un buon display, dotato di una luminosità massima piuttosto elevata, superiore ai 500 nit, e dei neri comunque sufficientemente profondi. Una combinazione che porta ad un rapporto di contrasto di circa 1700:1, non male per un display non AMOLED.

 



Come possiamo vedere dall'analisi  al colorimetro abbiamo poi dei colori che, impostati come di default in modalità Intensa, risultano evidentemente troppo saturi e non molto vicino a quello che è il riferimento. Buono il livello della copertura dello standard sRGB, che si attesta intorno al 97%.

Voglio però sottolineare come nelle impostazioni sia possibile selezionare anche un profilo colore definito "normale", che permette di ottenere una maggiore precisione nella riproduzione delle tonalità. Nel dettaglio, come visibile qui sopra, con la modalità Normale siamo stati in grado di ottenere un Delta E davvero molto basso e vicino al riferimento. 

FOTOCAMERA

E siamo ad analizzare il comparto fotografico, caratterizzato in questo caso dalla presenza di ben 4 moduli, due nella parte frontale e due in quella posteriore dello smartphone. Quattro moduli raggruppati in due coppie di fotocamere. I due moduli principali offrono una risoluzione di 20 e 2 megapixel, mentre quelli frontali sono da 24 e 2 megapixel.

 In entrambi i casi la fotocamera secondaria è utile per raccogliere un numero maggiore di informazioni riguardanti gli scatti e perfezionare gli automatismi, oltre che applicare effetti di vario genere, modalità ritratto compresa. Non manca nemmeno l'intelligenza artificiale con il riconoscimento delle scene, comunque disattivabile in maniera davvero molto semplice.

Le foto scattate durante il giorno sono di buona qualità, caratterizzate dalla presenza di colori accesi, in alcuni casi anche troppo, neri sufficientemente profondi, dettaglio elevato e una buona nitidezza in tutti i punti dello scatto. Nella media la velocità di messa a fuoco, mentre è piuttosto conservativa la regolazione automatica dell'esposizione, particolare che, in alcune occasioni porta a bruciare le zone particolarmente chiare o illuminate.

La situazione degrada invece quando scattiamo di sera o in presenza di poca luce. Le foto risultano molto meno nitide, con i dettagli impastati dall'intervento degli ISO che provoca un evidente rumore di fondo. Su questo Mate 20 Lite non abbiamo infatti la tanto decantata modalità notturna dei P20. O meglio, la modalità notte è presente ma non è così avanzata ed efficace, come quella degli smartphone appena citati. 

Menzione particolare merita la fotocamera frontale, dotata di una buonissima qualità oltre che di un sensore da 24 megapixel che permette di ottenere immagini molto grandi ma anche ben definite. Si tratta inoltre della prima fotocamera frontale in grado di offrire in contemporanea l'intelligenza artificiale e l'HDR Pro. Gli scatti ottenuti sono quindi ricchi di dettagli e con una buona gestione delle situazioni di luce più estreme. Ovviamente da disattivare subito il filtro bellezza, o "filtro cerone" dato l'effetto ottenibile.

Non manca ovviamente la possibilità di registrare video, soltanto fino ad una risoluzione di 1080p a 60 frame per secondo. Video che risultano discreti dal punto dei colori e della nitidezza ma che soffrono sicuramente l'assenza di una stabilizzazione ottica del sensore. Tutto sommato buona la velocità e la precisione della messa a fuoco e fluida la regolazione delle luci nei passaggi dalle zone d'ombra a quelle illuminate.

HARDWARE E PRESTAZIONI

All'interno di questo Mate 20 Lite troviamo lo stesso SoC di P Smart +, ovvero un HiSilicon Kirin 710, l'ultimo SoC di fascia media tra quelli prodotti dalla stessa Huawei. Parliamo di una soluzione octa-core con 2,2 Ghz di frequenza operativa massima, accompagnata da 4 GB di RAM e da 64 GB di storage, purtroppo ancora su memorie eMMC anche se comunque abbastanza veloci. La componente grafica è invece affidata ad una GPU ARM Mali G51 MP4.

Devo dire che in generale le prestazioni di questo Mate 20 Lite sono molto buone. L'interfaccia gira senza problemi e non ho mai notato impuntamenti degni di nota; così come non mi sono mai trovato di fronte ad un crash o a problematiche simili. Anche il multitasking viene gestito senza problemi e le applicazioni si aprono con una velocità più che sufficiente e vengono gestite senza problemi.

 

Per non farci mancare nulla abbiamo anche installato alcuni giochi con grafica 3D, tra cui Modern Combat 5 e Asphalt 9, e siamo riusciti a giocarci senza particolari rallentamenti o vistose perdite di frame.

Bene anche il comparto antenne, con una ricezione che, come da abitudine Huawei, è risultata davvero molto buona. Non manca il 4G+, e anche in zone in cui normalmente molti smartphone faticano a mantenere la linea e la connettività, con questo Mate 20 Lite sono riuscito a restare agganciato alla rete senza troppe difficoltà.

 

  • Dimensioni: 158,3x75,3x7,6mm per 172 grammi
  • Sistema operativo Android 8.1 Oreo con EMUI 8.2
  • Display IPS LCD da 6,3” FHD+ 19,5:9 con densità di 409ppi
  • SoC Kirin 710 octa-core (4x Cortex-A73 @2,2GGHz + 4x Cortex-A53 a 1,7GHz)
  • GPU MaliG51 MP4
  • 4GB di RAM
  • 64GB di memoria interna espandibile tramite microSD fino a 256GB
  • Dual SIM
  • Sensore delle impronte digitali sul retro
  • Sblocco con riconoscimento facciale a 360°
  • Connettività 4G LTE Cat. 13, WiFi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, Dual Bluetooth 4.2, NFC, GPS+GLONASS, USB Type-C
  • Radio FM
  • Jack da 3,5mm
  • Batteria da 3750mAh con supporto alla ricarica Huawei QuickCharge (da 0 a 100% in 2 ore)
  • Doppia cam anteriore da 24+2MP con AI (apertura f/2.0)
  • Doppia cam posteriore da 20+2MP con AI (apertura f/1.8)
  • Colorazioni: Sapphire Blue, Black e Platinum Gold

Presente la connettività WiFi dual-band e abbiamo anche Bluetooth 4.2, GPS con A-GPS e GLONASS, NFC e tutto quello che serve per una connettività completa sotto ogni punto di vista.

Un paio di appunti, invece, in relazione al comparto audio. il primo riguarda il volume del vivavoce, un pochino troppo basso, mentre il secondo è per l'equalizzazione dell'audio riprodotto tramite il jack. Quest'ultima mi è parsa infatti piuttosto conservativa, con tanti alti e medi ma decisamente pochi bassi ed un audio che risulta per questo motivo poco corposo. Buoni, invece, qualità e volume dell'audio in capsula.

 

AUTONOMIA

All'interno del nuovo Mate 20 Lite abbiamo un modulo batteria da 3750 mAh, discretamente capiente ma comunque in grado di portarci a cena senza davvero preoccuparsi.

Il Live Batteria condotto nei giorni scorsi ha mostrato come sia possibile raggiungere e superare le 6 ore di schermo attivo anche con un utilizzo molto intenso e per la maggior parte del tempo sotto rete dati.

 


Ipotizzando un utilizzo meno intenso non escludiamo quindi la possibilità di coprire anche più di una giornata intera senza dover ricorrere alla ricarica, che avviene comunque in maniera rapida grazie al supporto al fast-charging, che permette di caricare completamente la batteria di Mate 20 Lite in circa 90 minuti. Manca invece la compatibilità con i sistemi di ricarica wireless.

SOFTWARE

Anche qui nessuna sorpresa particolare, il software che equipaggia questo Mate 20 Lite è ovviamente Android, in questo caso in versione 8.1 Oreo, con patch di sicurezza aggiornate al mese di luglio e soprattutto personalizzato con l'interfaccia proprietaria EMUI. In questo particolare caso parliamo della EMUI 8.2.0 che comunque già conosciamo in maniera abbastanza approfondita.

Si tratta infatti della stessa interfaccia che abbiamo visto e rivisto a bordo degli smartphone Huawei nel corso dell'ultimo anno. Personalmente non la amo dal punto di vista del design ed è proprio per questo motivo che puntualmente ne cambio il tema, le icone, lo sfondo e tutto quello che è possibile modificare. Ma si tratta comunque di gusti personali e non è da escludere che qualcuno la possa apprezzare anche da questo punto di vista.

 

Sicuramente è da apprezzare la profonda possibilità di personalizzazione, non solo estetica, che ci permette tra le altre cose di nascondere la tacca, o mantenerla decidendo a quali applicazioni dare la priorità per la visualizzazione dell'icona che indica la presenza di una notifica.

Non manca ovviamente nemmeno la possibilità di invertire i tasti navigazione, di scegliere se utilizzare o meno l'app drawer e di creare due istanze della stessa applicazione. Funzione molto utile, quest'ultima, quando utilizziamo lo smartphone con due SIM inserite al suo interno. In questo caso potremo avere, ad esempio, una istanza di Whatsapp per ognuna delle due SIM.

Insomma, un sistema sicuramente completo, in grado di soddisfare le esigenze di tutti, ricco di impostazioni (forse anche troppe) e di possibilità di personalizzazione.

 

CONCLUSIONI

E giungiamo al dunque parlando di prezzo. Questo Huawei Mate 20 Lite è già disponibile in commercio ad un prezzo di listino di 399 euro. Fino al 30 settembre acquistando questo smartphone si riceverà inoltre in omaggio una Honor Band 3 Pro, del valore commerciale di 99 euro. Sicuramente un incentivo interessante per un prodotto che al prezzo di 399 euro risulta posizionato un pochino troppo in alto.

Come già detto in apertura, infatti, la fascia di mercato è decisamente affollata e ad un prezzo anche di diverse decine di euro inferiore si trovano già molti prodotti in grado di garantire un'esperienza d'uso altrettanto buona. Basti pensare a Mate 10 Pro dello scorso anno, ancora un top di gamma a tutti gli effetti e reperibile ora online anche allo stesso prezzo di questo Mate 20 Lite.

 

Intendiamoci bene, questo Mate 20 Lite resta comunque uno smartphone completo e con tutte le carte in regola per soddisfare le esigenze di buona parte degli utenti. Il "difetto" più grande è infatti proprio il prezzo un po' troppo alto. Insomma, un prodotto che, tra qualche mese, con  un prezzo fisiologicamente in calo, potrebbe proporsi come valida alternativa anche in questo segmento particolarmente ricco di concorrenti.

 

COMPETITOR PRINCIPALI
75.25 x 158.3 x 7.6 mm
6.3 pollici - 2340x1080 px
74.3 x 157.9 x 7.5 mm
6.3 pollici - 2340x1080 px
75.64 x 158.38 x 7.99 mm
6 pollici - 2160x1080 px
75.2 x 155.5 x 8.8 mm
6.18 pollici - 2246x1080 px
PRO E CONTRO
Fotocamera frontaleDisplay (Nessun problema di polarizzazioneAutonomiaRicezione
PrezzoComparto audioNiente certificazione IPMemoria eMMCDual SIM con slot diversi

VOTO:7.6

8.1 Hardware
6.4 Qualità Prezzo

Huawei Mate 20 Lite

Compara Avviso di prezzo
VIDEO

Huawei Mate 20 Lite è disponibile su a 283 euro.
(aggiornamento del 14 dicembre 2018, ore 10:46)

164

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
moretta80

Huawei mate 10 pro, Huawei mate 20 lite o Huawei P20 ? soprattutto x la batteria.

consigliate un mate 20 lite o un honor 10?

franky29

Micro sd

Darkat

Daje, sin dall'inizio, e anche nel post, specifico, IN GENERALE. Gli iPhone gli hai messi in mezzo tu, a me che tu pensi che il 4k dell'iPhone sia il più meglio assai non cambia nulla, i limiti sono sempre gli stessi
- limitazione funzioni software
- tagli di memoria (che ho citato IN GENERALE)
Mo' ritorna a parlare dell'iPhone, vediamo che sai fare.

Darkat

Lol e non intendo il gioco

Gabriele

Peró il design a me piace più quello del mate 20 lite,poi considera che se arriva sui 300 euro va bene come prezzo

Max

Dici di conoscere iPhone e poi parli di 128 GB quando il taglio è 256 giga... Pensa quanto sei attendibile...

Max

Non sopporto il software Samsung. Non potrei usarlo anche se l'hardware e migliore

Antonio Brentegani

Fortnite c'è anche su twitch, mixer, dailymotion games, abuzu, periscope.......... È OVUNQUE e se huawei regalasse una skin di fortnite comprando sto cell arriverebbe almeno a vendere quanto il note 9

Swat

Menomale che domani ricominciano le scuole, così ci liberiamo di un essere inutile come te

luca bandini

questo è ovvio (andrei di nokia, honor pocopohone/xiaomi) ma tra questi due quale prenderesti? scommetto il samsung perché è il migliore in ogni comparto comparto nonostante abbia alle spalle 8 mesi

Darkat

Vivo con 3 persone di cui 1 Mac maniaco, quindi si, ne ho visti parecchi, non che sia difficile poi conoscere qualcuno con un iPhone no? Partendo dal fatto che il discorso dei difetti rimane identico, memoria e impossibilità di sfruttare tutte le caratteristiche software sul 4k, ma anche considerando il fatto che ci sono smartphone che hanno preso punteggi molti più alti di qualsiasi iPhone per i video, a che serve su smartphone da 64/128GB non espandibili per giunta? Bisogna partire minimo da 256GB, altrimenti riempi la memoria in un niente, e per fare cosa? Non puoi goderteli nemmeno sullo schermo dell'iPhone tra l'altro, figuriamoci sui social

Max

Nessuno dei due

Max

Ottima ragione

Alucard

si si, 4/64 a 189 euro

Max

Io ti consiglio il 4/64 però

Alucard

si infatti, ho preferito tenermeli in tasca, cmq RN5 è un buon terminale, mia moglie ha il 3/32 e si trova molto bene, anche con le foto [ne fà a profusione :-( ]

Max

Ecco mi fiderei di più.
Io l'ho preso da Mediaworld.

Max

Faccio lo stesso discorso fatto tante volte. Fai adesso uno speedtest in 4G, li dove ti trovi ora, e postalo. Nel 99% dei casi sarai sotto i 150/50 Mbps garantiti dal normale 4G (ma azzarderei che nel 90% dei casi sarai sotto i 50/30, in Italia..).
Il 4G+ è un finto problema. I limiti sulle reti mobili sono altri...

Max

Tecnicamente sono due brand diversi... Poi in realtà hai perfettamente ragione, ma nella testa di Huawei questa serie Mate è quella premium, ed il 20 Lite è l'entry level, mentre gli Honor sono la serie budget sensitive.

Max

Faccio lo stesso discorso fatto tante volte. Fai adesso uno speedtest in 4G, li dove ti trovi ora, e postalo. Nel 99% dei casi sarai sotto i 150/50 Mbps garantiti dal normale 4G (ma azzarderei che nel 90% dei casi sarai sotto i 50/30, in Italia..).
Il 4G+ è un finto problema. I limiti sulle reti mobili sono altri...

Max

Hai mai visto un 4K di un iPhone ? Direi di no...

Alucard

preso da Amaz. anche a meno, versione europea stesso colore

Iapi

C'è il Mate 10 Pro a 333 su ebay con lo sconto promo 10%

Max

Se a lui cade il telefono due volte in una settimana, credo che il problema non sia il telefono...

Max

Ad esempio io non prenderei un telefono usato neppure sotto tortura

Max

Beh ci sono 100€ di differenza tra i due

Max

Io di Grosso mi fido poco... Controlla che sia la versione Global per il mercato europeo

Max

Allora a 200€ il Redmi Note 5 è imbattibile

Max

Honor Play. Se vuoi spendere poco prendi Redmi Note 5 o il A2 Lite.

Max

A me la EMUI piace. La trovo snella e lineare

Stefano Ferri

Che se uno se ne fatroppi alcuni studiosi di sottolineano il fatto che è sintomo di meccanismi mentali in qualche modo anomalo.
Se chi acquista un telefono ritiene primaria la qualità dei selfy vuol dire che ne fa molti in molte situazioni .
A questo punto non è corretto prendersela con chi cerca questa caratteristica nel telefono, è da comprendere come un depresso od un dissociato .

Stefano Ferri

Adesso è da folli acquistarlo con il 10pro che costa meno, se cala parecchio magari... Ma i lite solitamente non brillano .

sardanus

ci sono emmc ed emmc, non è che fanno tutte schifo, tipo quelle dei top gamma degli anni scorsi erano e sono ancora decentissime

Swat

beh tu escludi samsung solo perchè c'è scritto sasmung dietro...

Darkat

Ma sono senza stabilizzazione e senza autofocus, forse escono bene se hai un treppiede

4k.hdr.x265

Quoto la tua risposta...

luca bandini

non concordo sulle fotocamere. preferisco di gran lunga una granangolare e una superzoom (3 dietro ed 1 davanti)

luca bandini

costa meno, ha un display migliore, ip68 e non ha memoria da base di gamma.
se ti proponessero questo o a8 (da comprare su internet) tu cosa sceglieresti? sentiamo

luca bandini

praticamente tutti i huawwei fanno c@gare tolte le versioni "pro"

Swat

Molto probabilmente per il caldo, sono fatti di materiali cinesi, non di qualità

Patafrosti

Neanche ti accorgi (se non nei bench) se hai le UFS o eMMC

Ikaro
mmarsarel

aggiungerei: fare la foto ad una foto di un panorama

4k.hdr.x265

Eh....mi sono dimenticato di specificare....ora lo cambio...

4k.hdr.x265

Alt...il 5.5 si riferisce al buon vecchio display standard...

4k.hdr.x265

Inizialmente si riferiva
all' iPhone poi ha cambiato il suo post...
dopo che gli ho parlato della batteria degli iPhone...

Max

Lui parlava di Pocophone...

Max

5.5" in 18:9 è piccolino per molti

Max

Si certo... Si è piegato per gravità

Huawei Mate 20 Pro vs Nikon D810 | Video

Recensione Huawei Mate 20 Pro: 3 fotocamere per un nuovo punto di vista

Huawei Mate 20 Lite: AI e 4 fotocamere a 399 euro | Video Anteprima

Huawei P20: come scatta le foto e gira i video | Focus