Huawei Nexus 6P: l'analisi tecnica di HDblog.it

13 Dicembre 2015 333

I lettori della mia rubrica su HDblog.it già sapranno che il Nexus 6P (nome davvero poco sexy!) è il nuovo flagship di Google, un dispositivo per i veri appassionati di smartphone con OS Android che amano uno schermo di grandi dimensioni e con una batteria generosa; un gruppo di consumatori che il marketing ha etichettato come gli amanti del phablet e che non si preoccupano dell'usabilità del telefono con una mano poichè madre natura li ha dotati di mani grandi e di una presa da veri macho. Per queste persone Google ha sviluppato il Nexus 6P!

Da sempre il brand Nexus mi ha affascinato poichè la scelta di quel termine "collegamento" fin dall'origine l'ho trovata geniale: un collegamento tra Google e gli Oem e tra Google e noi utenti per mostrare lo stato dell'arte del SO Android. Google non ha mai spiegato l'origine del nome, ma come tutte le cose geniali non c'è bisogno di farlo perchè è meglio lasciarle all'immaginazione. Ovviamente quelli tra voi che hanno maggiore cultura informatica staranno pensando al romanzo di Philip K. Dick, Do Androids Dream of Electic Sheep, in cui il protagonista Rick Deckard ha il compito di eliminare un gruppo di androidi - Nexus-6 - molto simili agli essere umani. Quindi gli smartphone Nexus per astrazione hanno sempre rappresentato, per Google, quel punto di contatto tra esseri umani e Android.

A tale proposito, poco è cambiato nei cinque anni in cui Google ha sfornato i propri Nexus mediante i suoi partner OEM: HTC, Samsung, LG, Motorola ed infine Huawei.

La scelta di Huawei da parte di Google, non è di per sé sorprendente. L'azienda cinese si è seriamente distinta negli ultimi anni ed ha conquistato importanti mercati mondiali. Secondo IDC, la quota di mercato di Huawei (incluso il brand Honor) nel 2 ° trimestre di quest'anno è quasi il 9 per cento che la pone dopo Samsung e Apple al terzo posto tra i produttori di smartphone.

Se avete ancora in mente il Mate 7, P8 o il Mate S sappiate che Huawei ha saputo sfruttare quel know-how e sotto la guida sapiente di Google l'ha riversato tutto nel Nexus 6P tirando fuori un terminale innegabilmente chic capace di competere con i top di gamma di Samsung, Lg e Sony.

Display: peccato per la poca luminosità!

Huawei Nexus 6P ha un display da 5,7 pollici Amoled con risoluzione 2560 x 1440 pixel e 518 ppi. E’ uno schermo di ultima generazione Samsung, ma come luminosità e fedeltà cromatica è ben lontano dagli amoled con cui sono equipaggiati i modelli di punta Samsung per il 2015. Le caratteristiche che lo rendono un pannello di livello sono quelle tipiche degli Amoled (neri profondi, colori brillanti e buoni angoli di visuale), ma nel contempo ne eredita anche i difetti (colore grigio quando è spento, saturazione esagerata e luminosità non eccellente). Molti di questi difetti della tecnologia Amoled sono, attenuati o spariti, nel Super Amoled inserito da Samsung nel Note 5. Nexus 6P, come Nexus 5X, integra l’ambient display (ecco perché il LED è disattivato di default) che ci mostrerà in bianco e nero le notifiche alla ricezione o al primo movimento del telefono stesso risparmiando energia e consentendoci di interagire con esse in modo molto rapido.


Nel nostro test con luxometro corroborato dal software sviluppato dal mio amico François Simond (noto nel mondo hacker/modding come supercurio) abbiamo rilevato una luminanza media di 370 cd/m² con una percentuale di distribuzione della stessa pari al 92%. Gli unici due punti che fanno abbassare questa rilevazione sono in alto a destra (+8%) e in basso a sinistra (-8%). Coloro che ormai seguono la mia rubrica da tempo sanno che per me uno schermo è promosso se supera i 550 nits poichè questo valore garantisce una buona visibilità alla luce solare diretta. Nel caso del Nexus 6P questa appare solo discreta poichè i colori appaiono molto sbiaditi. Di solito questo tipo di pannello Samsung ha un'opzione per l'overboost della luminosità, se settato in modalità automatica e sotto una forte luce diretta, ma purtroppo nei nostri test non abbiamo individuato questa modalità.

Com'è visibile dal grafico i problemi sono evidenti nei verdi che sono distanti dal valore teorico.


Osservando la comparazione tra colori teorici (target) e quelli proposti dal Nexus (actual) si nota come il rosso e blu siano anch'essi troppo saturi. Ritengo questa una scelta precisa di Google perchè nell'opzione sviluppatore è stata inserita un'opzione SRGB che rende la riproduzione cromatica assolutamente più fedele.


Nelle immagini seguenti la differenza tra la configurazione standard e quella SRGB

La scala di grigi indica se un display ha un giusto equilibrio del bianco (bilanciamento tra rosso, verde e blu) tra i diversi livelli di grigio (da scuro a chiaro).
In questo caso il Delta E è buono e pari a 2,52.


Gli altri valori confermano la scelta di Google di proporre immagini tendenti ai colori scuri e con un punto di bianco molto caldo (vicino al giallo).


Inutile dirvi che grazie a kernel modificati è possibile tarare lo schermo come meglio si crede raggiungendo valori di assoluto rilievo. Tra i kernel a ciò adatti ci sentiamo di consigliarvi ElementalX. Di seguito due immagini dove ci siamo divertiti a ritarare il c.d. punto di bianco

Batteria: discreto lavoro Google!

Il Nexus 6P utilizza una batteria da ben 3450 mAh.

Nel nostro solito test dove facciamo svolgere un solo compito allo smartphone fino a scaricarlo completamente, questi sono i valori raggiunti

Test della Batteria

Attività

Ore Minuti
Conversazioni in 3G 25 48
Navigazione web in 3G 9 24
Navigazione web in wifi 9 10
Visione video 12 10
Ascolto musica 16 12
Modalità stand-by (schermo spento, ma non in modalità aereo) 82 30

Dai test appare evidente come lo schermo sia particolarmente desideroso di energia. Il test di durata di Pcmark e Geekbench confermano i risultati del nostro test. Se ad. es. con il Samsung Galaxy S6 il test Pcmark ci aveva dato una durata di 465 min questo terminale si ferma a 420 min. Appare pertanto possibile solo sfiorare le 4 ore di schermo acceso, ma non ricorrendo a kernel custom questa è stata la soglia media di durata nel nostro test di uso reale. Infine non stupiscano gli ottimi valori dei consumi in standby poichè su Android Marshmallow sono stati introdotti due nuove app: Doze e App Standby.

In particolare, Doze interviene laddove il dispositivo venga lasciato per un certo periodo con schermo spento e non in carica limitando l’accesso alla rete e riducendo la velocità della CPU impedendo, poi, la sincronizzazione dati delle app. Il sistema, infine, periodicamente, disabilita per brevi momenti questa modalità consentendo loro una veloce sincronizzazione o il completamento di alcuni task per rientrare nuovamente in modalità Doze.

L'App Standby, invece, consente di determinare se un’applicazione è in stato idle (inattiva). L'algoritmo decisionale è semplice, ma efficace poichè un’app è attiva quando:

  • l’utente l'avvia o la utilizza attivamente;
  • l’applicazione ha un processo attivo in primo piano o viene richiamata da un’altra app in foreground;
  • l’applicazione genera notifiche visibili nella schermata di blocco o nella barra delle notifiche.

Grazie alla connessione USB di tipo C ed al caricabatteria a 3A possiamo ricaricare da 0 a 100 il nostro smartphone in 89 minuti. Non è possibile effettuare la ricarica wireless.

Interfaccia utente e funzionalità: all'insegna della fluidità!

Senza ombra di dubbio Android 6.0 Marshmallow è la versione più riuscita di android figlia di quell'accumulazione di trial&error che ha reso questo sistema operativo mobile amato da tantissimi utenti.

Nell'articolo che linkiamo subito sotto, il nostro Niccolò già ci aveva illustrato le principali novità della nuova build android e, pertanto, in questa sezione dell'analisi tecnica vogliamo dedicarci sulle funzionalità che condizionano l'esperienza d'uso del Nexus 6P.

Partiamo come sempre dalla schermata di blocco che ha subito poco modifiche rispetto a quella Lollipop, ma dalla quale è ora possibile ufficialmente sfruttare il sensore di impronte digitali posto sul retro. Huawei ha perfezionato il lettore biometrico già visto in altri suoi top di gamma ed effettivamente lo sblocco avviene nei 600ms (poco più di mezzo secondo) dichiarati da Google.

La rinnovata gestione dei permessi delle applicazioni è sicuramente la seconda cosa che salta all'occhio. Le prime fasi di configurazione e i nuovi programmi installati, vi mostreranno una serie di popup per dare il consenso o meno all'accesso ad alcune aree del telefono (contatti, memoria, sensori e simili). Un approccio molto iOS ma che migliora notevolmente la sicurezza. Inizialmente, per chi è abituato ad Android, potrebbero infastidire i popup che si presentano, ma dopo il primo giorno e la fase di assestamento l'esperienza d'uso non viene assolutamente pregiudicata.


Migliorata anche la funzione Ambient Display che Google aveva portato all'interno di Android Lollipop a beneficio del Nexus 6. In modo molto simile all'Active Display sui Motorola Moto X basterà toccare, muovere o sollevare il Nexus 6P per poter visualizzare le notifiche senza attivare tutto il display, ma accendendo solo i pixel effettivamente interessati nella visualizzazione dei messaggi non letti. Il sistema non solo si attiva con il movimento, ma mostra anche per qualche istante la notifica nel momento in cui questa arriva, senza comunque accendere tutto lo schermo. Nel Nexus 6P il meteo, la data e le relative notifiche sono brevemente visualizzate sullo schermo, offrendoci un rapido accesso ad esse, senza avere la necessità di accendere completamente il telefono.

L’app drawer è stato ridisegnato e ora è a sfondo bianco con scrolling verticale. Le applicazioni vengono ordinate alfabeticamente, ma è visibile una prima linea composta dalle 4 applicazioni più utilizzate che sono dunque di rapido accesso.

Il pannello di notifica rimane lo stesso visto in Lollipop ed integra anche il toggle rapido per la torcia e la condivisione video tramite Android TV o Chromecast.

Il Tuner UI Android Marshmallow è un sub–menu che normalmente non è visibile nell’elenco delle impostazioni standard. Abbassiamo quindi il menu notifiche (quello ove sono collocati i quick settings), e tappiamo per 5 secondi sull’ingranaggio in alto a destra dello schermo. Esso inizierà a girare: rilasciamo il dito nel menu' impostazioni ed avremo la possibilità di personalizzare la batteria, barra di stato o le impostazioni veloci


Tutta l'interfaccia gira fluida a 64 bit e possiamo dire che sia davvero lag free.

Parte telefonica, rubrica e messaggistica: di primissimo livello!

L'applicazione Telefono ha subito piccole ed intelligenti ritocchi con gli indicatori scheda - al posto del testo - e con il ritorno delle icone. Passando al registro chiamate l'aspetto è diverso poichè sono state meglio divise le varie chiamate. Infine, il menu delle impostazioni della app è stato riorganizzato per consentire di trovare velocemente le opzioni di maggior interesse senza esser sepolti dai sottomenu di Lollipop.

La ricezione di questo terminale è un punto di forza. Il segnale è sempre stabile e non abbiamo ricevuto nelle nostre chiamate di prova nessun problema. L'audio in capsula non è però caldo ed è spostato sulle tonalità alte. Siamo ancora lontani dai livelli dell'audio in capsula di Sony se vogliamo rimanere nel mondo Android. Segnaliamo solo alti valori SAR.

Per i più curiosi le rete disponibili sono le seguenti:

LTE: 1/2/3/4/5/7/8/9/17/19/20/28/38/39/40/41
UMTS: 1/2/4/5/6/8/9/19
TD-SCDMA: 34/39
CDMA: BC 0/1
GSM: 850/900/1800/1900

Anche il segnale wifi è molto buono ed è comparabile a quello di altri terminali che abbiamo recensito con lo Snapdragon 810.

Nella tabella seguente i risultati del test della pressione sonora dell’altoparlante che pone il Nexus 6P in ottima posizione ovviamente in vivavoce funziona solo lo speaker in basso.

Test della pressione sonora degli altoparlanti

Test degli speaker Voce (db) Musica (db) Suoneria (db) Giudizio
Apple iPhone 6 Plus 66,07 64,06 66,02 Sotto la media
Apple iPhone 6 66,07 65,53 72,05 Medio
Samsung Galaxy S6 66,09 66,06 75,07 Medio
Lg G4 69,10 72,05 75,07 Molto buono
Oppo Find 7a 71,03 72,05 75,07 Molto buono
Huawei P8 75,25 72,00 81,50 Eccellente
Samsung Note 5 75,25 72,00 78,20 Eccellente
Lumia 950 XL 75,25 75,80 84,50 Eccellente
Nexus 6P 80,25 80,00 78,80 Eccellente
Vivo Xplay 3s 93,5 98,5 101,50 Eccellente

Connettività e navigazione web: nulla da invidiare alla concorrenza!

Il Nexus 6P supporta le seguenti bande LTE: 1/ 2/3/4/5/7/12/13/17/20/25/26/29. Con il suo modem Qualcomm, lo smartphone è compatibile con le reti praticamente di tutto il mondo. Abbiamo, inoltre, AGPS con GLONASS, Bluetooth 4.2, wifi dual-band 802.11 a/​​b/g/n/ac, e NFC. L'unico appunto è la mancanza del codec Aptx per il miglior streaming della musica in BT. Noi non abbiamo avuto nessun problema al BT, ma per dovere di cronaca dobbiamo segnalare che moltissimi utenti avvertono disconnessioni random nel loro BT dell'auto. La situazione sembra essersi quasi totalmente risolta con il rilascio di MM 6.0.1.

Chrome ha raggiunto un livello ottimo di maturità e su questo Nexus 6P gira senza alcuna incertezza.

Prestazioni: senza compromessi!

Huawei Nexus 6P ha finalmente un hardware in linea con i migliori top di gamma del mercato. E’ spinto da un potente processore Octa-core, il Qualcomm Snapdragon 810 con 4 core Coretex a53 a 1,55GHz e 4 Cortex a57 da 2.0 GHz. La GPU è l'Adreno 430 che garantisce prestazioni ottime nel gaming. La dotazione di RAM è generosa con i 3 GB e 32/64/128 GB di spazio d’archiviazione. I sensori presenti sono quello biometrico per le impronte digitali che garantisce sicurezza e comodità, il sensore di luminosità e prossimità. Ci sono anche il barometro, l’accelerometro, il giroscopio e la bussola.


Multimedia: gioire solo a metà!

Questo terminale grazie al suo schermo e soprattutto ai suoi due speaker stereo è adatto alla visione dei video. Il volume di questi ultimi è uno dei più alti che abbiamo misurato e la loro qualità si avvicina molto a quella dei top di gamma HTC. L'unico appunto è una scarsa presenza di bassi.

Anche il nostro solito test conferma queste misurazioni. Nella prima parte del test la qualità è buona, ma è importante il crosstalk al momento dell'inserimento delle cuffie.

Test Audio assistito dal software RightMark Audio Analyzer
Test Risposta in frequenza Rumore Gamma dinamica Distorsione armonica totale Intermod.ne Diafonia stereo
Nexus 6P -0.07 +0.04 -91.4 90.3 0,0021 0.050 -93.6
Nexus 6P (cuffie) -0.13 +0.04 -90.7 89.8 0,012 0.244 -52.5

La potenza in cuffia raggiunge 0,35 V e quindi scordatevi di poter pilotare in maniera decente cuffie ad alta impedenza. Molti dei kernel modificati permettono, però, di aumentare di parecchi decibel la pressione sonora degradando però la qualità del suono molto velocemente. L'utente comune, però, difficilmente potrà rendersi conto di tale problema.

Fotocamera e videocamera

Il Nexus 6P monta per la prima volta come fotocamera posteriore un modulo Sony 12.3MP con un'apertura di f/2.0. Il sensore Sony IMX377EQH5 era stato originariamente pensato per le videocamere e con pixel grandi 1,55 micron. L'idea è la medesima di HTC con il suo UltraPixel (da 2 micron) e cioè di catturare più luce per rendere le foto con scarsa luminosità meno rumorose. Questo sensore oltra a scattare foto a 12MP (4: 3) o 9MP (17: 9) è in grado di registrare video 4K, con impressionante, ripresa a rallentatore di 240fps. Il sensore può effettivamente registrare a 4K e 2K a 60 fotogrammi al secondo, ma deve scontrarsi con le limitazioni attuali del chipset Qualcomm che gli consente di andare solo fino a 30FPS. Tiene compagnia al sensore della fotocamera un sistema di messa a fuoco automatica laser e un flash a doppio led. La prima caratteristica dà vita ad un'ottima velocità di auto-focus, mentre la seconda caratteristica può venir utile in tutte quelle situazioni in cui la fonte di luce è insufficiente per la scena da fotografare. La fotocamera anteriore è da 8MP con una lente f/2.2.
Purtroppo l'app Fotocamera riflette il concetto di "punta e scatta" che Google ha voluto imprimere all'esperienza d'uso delle foto e che per fortuna non è ripresa da molti produttori che hanno sistemi manuali di scatto anche molto sofisticati.

Google Foto però ci consentirà l'upload illimitato, cloud automatico, galleria ben fatta e realizzazione di mini video automatici piacevoli (burst mode) oltre alla catalogazione e categorizzazione delle foto.

Le foto in diurna sono eccellenti, allo stesso livello di LG G4, dei vari Galaxy S6 e di Iphone 6/s/plus. L'unico appunto è che in giornate di tanto sole le foto hanno la tendenza ad esser sovraesposte. Per fortuna con l'uso dell'HDR+ (che purtroppo è ancora un po' lento) la scenza tende ad avere finalmente quella coerenza cromatica che ci saremmo attesi da un top di gamma. In notturna, invece, il Nexus 6P non riesce a sfruttare appieno la grandezza i 1,55 micron nei pixel a causa dell'effetto congiunto di un troppo forte algoritmo di compressione ad alti iso e per la mancanza di stabilizzazione ottica, che ci porterà ad avere molto spesso foto mosse non appena i tempi salgono oltre 1/250 sec. In condizioni di luce, intermedie, invece la fotocamera tende ad essere nuovamente comparabile agli altri top di gamma. A mio avviso ad oggi questa fotocamera è globalmente superata solo dal Lumia 950, Lg V10, Galaxy Note 5 ed è paragonabile a Lg G4 e Galaxy S6 come resa complessiva.

Buoni i video che risultano stabilizzati grazie all’EIS che non lavora solo nei video 4K, così come gli altri top di gamma 2015, che da una mano sopratutto nelle riprese con poca luce. I risultati non sono comunque paragonabili a quelli di un’ottica stabilizzata in modo analogico. Nei video 4K abbiamo notato poi una messa a fuoco davvero lenta. Di rilievo la registrazione dell’audio in ambienti particolarmente rumorosi grazie ai 3 microfoni come si vede dai video seguenti

Conclusioni

Banalizzando si potrebbe dire mai visto un nexus così! Chic, potente, fluido e con uno schermo finalmente degno di un top di gamma. E' visibile in ogni particolare la cura che lo scolaretto "Huawei" al posto in ogni singolo dettaglio per non deludere il maestro buono "Google". Cionondimeno qualche piccolo difetto gli fa perdere la terza piazza tra i miglior top di gamma del 2015: poca luminosità massima dello schermo ed audio in cuffia scarso. Gli amanti dei phablet e di android stock troveranno in questo terminale l'agognato paradiso e finalmente gli sviluppatori potranno con orgoglio estrarre dalla tasca il loro smartphone affermando fieri: signori è un Nexus ed è un gran smartphone!

Voto 8.5

Huawei Nexus 6P è disponibile online da Amazon Marketplace a 190 euro. Il rapporto qualità prezzo è discreto. Ci sono 108 modelli migliori. Per vedere le altre 4 offerte clicca qui.
(aggiornamento del 14 ottobre 2020, ore 07:48)

333

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Emil Rasch.

ragazzi ma qualcuno conosce i valori sar europei?

Maurizio Corallo

Scusate ma la foto del concerto sicuramente con poca luce e soggetti in movimento è veramente spettacolare per colori, rumore, definizione e livello del nero. Sfido qualsiasi smartphone (S7 compreso) a fare di meglio.

Gark121

parliamo chiaro: il sunlight contrast ratio è una invenzione di gsmarena per poter non demolire gli schermi amoled. fine.
s4 ha 3352, contro i 2504 di m7. vogliamo parlare di visibilità al sole per s4 acccanto a m7? s3 ha 3419. vogliamo parlare della visibilità di s3?
i nits sono l'unica cosa interessante per la leggibilità all'esterno, altre alla riflettività del vetro, che per tutti è elevatissima.
e se il "compare" qua sopra ha notato una luminosità bassina per z3, onestamente, consiglio una visita oculistica. 500nits è ciò che serve per usare il telefono al sole più o meno sempre. il sunlight contrast ratio è fuffa, e quei numeri lo dimostrano.

Stefano

Non mi piace per niente la parte alta in vetro nel posteriore, ottima scheda tecnica, nel complesso davvero un bel nexus.

rasty++

ce l ha mio fratello bianco.. visto carbon lo preferisco personalmente :)

Big Whoop

io voglio prenderlo bianco ghiaccio e metterci una skin dbrand bianca solo nella sezione fotocamera :D diventerebbe fantastico così!

Big Whoop

il tuo amico tenga conto che i medio bassi di gamma samsung molto presto cominciano a laggare (laggano anche i top di gamma, figurati) e cominciano a far sbroccare davvero (esperienza diretta) quindi mi orienterei su moto g. Un piccolo sforzo, una 20ina di euro in più e prendi quello da 2gb

Big Whoop

Il mio prossimo telefono, non posso stare senza nexus

DuN3DaiN

Anche anand ha confermato che il 6p ha la migliore integrazione hardware dell'810 tra tutti i devices che montano questo Soc

giorgio085

eh si perchè il force touch sta innovando l'uso dello smartphone.

giorgio085

in realtà a me ha stupito in positivo sotto il sole, si crea una sorta di fluorescenza che rende il display ben visibile.

giorgio085

io sono arrivato a farne anche 5 e mezza di schermo... in 2 giorni, concentrato in 1 avrei potuto anche sfondare le 6.

Enrico Maria Dal Compare

Ho avuto la stessa esperienza con lo stesso telefono, per quello chiedevo. Comunque piu lo schermo è luminoso, meglio è.

fire_RS

Ah beh quello che dite voi nexus-fag invece e´ legge.

Giustiziere

Boh, te la canti e te la suoni da solo ;) notte

michi17

si buonanotte, ti mancano proprio le basi

Giustiziere

E quindi? Chi ha mai messo in discussione questo? Che commento hai letto? È normale che ognuno ha le sue progettazioni per arrivare allo stesso risultato, ma attualmente la progettazione Dual Core di A9 sta sopra. Io ho solo detto che L'A9 è globalmente più potente dell' l'exynos, ed i benchmark lo confermano.

bldnx

Beh, il gradevole è soggettivo l'accuratezza nel riprodurre i colori no :)

masked?Mike

scusami devo fare un peto con sgommata vuoi assaggiarlo?

Massimo

Certo! È proprio bassa

veritiero

oh per un attimo pensavo di essere su androiiiiniani .vogliamo le videorecensioni.siamo un popolo di ignoranti, non ci va di leggere(a parte la gazzetta)

Plinky

Prima di spostare la barra della luminosità sul massimo, sei andato nelle impostazioni a disabilitare la luminosità automatica? Altrimenti hai solo spostato un offset

Alex Caselli

Ma il mio dubbio è se S6/S6 edge e Note 5 hanno la stessa fotocamera, anche se Note 5 ha qualche funzione in più in modalità manuale

Fabrizio - Kronoturbo

si ma se sti script vengono lanciati sul terminale, avrà lo schermo acceso no?

michi17

no, è negare l'ignoranza di chi fa ragionamenti del genere che è difficile.. i processori apple non hanno niente da invidiare a nessuno, non li critico di certo.. io critico chi come te e l altro a cui rispondevo parla senza informarsi.. è OVVIO che processori dello stesso anno abbiano prestazioni simili, ma non capire che ci sono modi diversi per ottenere un livello di prestazione che sia accettabile, migliore del modello precedente e in grado di competere con i device contemporanei ce ne vuole eh... non ci vuole un genio... dual core, quad core e octa core sono proprio progettazioni diverse, mica cambia solo il numero di core..

Oliver Cervera

Usano degli script. Sono prove da "laboratorio".
Le 4h sono di uso reale

Oliver Cervera

C'è un errore, ovviamente il 6P ha l'AC, dai!

Fabrizio - Kronoturbo

Io non capisco solo una cosa...come fa a fare 9h in navigazione web, se puo' fare solo 4h di schermo?

Giustiziere

E invece visto che in single il punteggio non conta, (a8 comunque non arrivava a questi punteggi, quindi l'upgrade c'è stato.) che in multicore ha quasi lo stesso punteggio di exynos riesci a spiegarlo? ;) negare la superiorità di A9 è da ciechi, e non lo dico mica io.

fire_RS

Io preferisco un display che è gradevole agli occhi a uno realistico ma che sembra una chiàvica.

Oliver Cervera

Bella analisi, la farete per Nexus 5X?

M3r71n0

Ma intenato son sistemi di trasmissione completamente diversi. Non è solo una questione di nomi.

a'ndre 'ci

semplicemente.. perchè fa più fico dare un nome proprio che riconduce a un marchio.. .dlna e miracast.. tzè.. degli standard...

bldnx

Quello di Nexus 6 sì lo dice anche anandtech che non è un buon display, ma i bench sui display lasciano il tepo che trovano un corno, sono i tuoi occhi che giudicano "slavato" semmai che lasciano il tepo che trovano. Quello che tu chiami slavato io lo chiamo realistico

Massimo

visto da vicino e il display è stata una delusione immensa, non per la qualità ma per la luminosità. Siamo a livelli veramente scandalosi!! Al massimo della luminosità è come un amoled di 3 anni fa e penso che alla luce diretta del sole non si vede proprio niente. L'ho confrontato con il mio iphone 6 plus e questo ha una luminosità almeno il doppio del 6p. Sono rimasto davvero deluso. Potrebbe anche essere che era il dispositivo fallato, ma se è quella la vera luminosità allora ve lo sconsiglio. Parlo da acquirente interessato

rasty++

azz.. su N6 funge

M3r71n0

Ecco.
Quindi volutamente disabilitato da zio G su questo nexus.
Perchè fino ad ora il tasto trasmetti faceva sia chromecast che miracast.
Grazie per l'info

Peppe15

Concordo. Sempre avuto samsung top di gamma e sempre avuto LAG. Con questo 6p è tutta un'altra storia :)

matteventu

No.
Nexus 6P non supporta Miracast stock.
È stato appositamente disattivato da Google per incentivare Chromecast.

Ma basta il root per riattivarlo.

M3r71n0

Thanks.

rasty++

miracast di samsung c e... chromecast c e.. androidtv non ho provato ma se va la chromecast va sicuro android tv

M3r71n0

Per entrambi intendi Chromecast, googlecast e miracast?
Tutti e tre i metodi.
Hai provato su tv con solo Miracast?
Grazie

rasty++

entrambi.. come ho scritto sopra.. :)

M3r71n0

Si. Android TV usa googlecast che poi è in fin dei conti la stessa cosa di Chromecast (diciamo 2.0).
Miracast è un metodo diverso.
Ora la domanda è: Quando premi il tasto trasmetti, cerca solo dispositivi Chromecast e Googlecast oppure anche Miracast?

rasty++

android tv e chromecast credo che fungano uguali.. miracast è un altro standard.. diciamo che trasmetti tutto il flusso direttamente

M3r71n0

Aspè, non ho capito.
Le opzioni sono "android TV" e "Chromecast"?
Perchè Miracast dovrebbe essere un altro metodo di trasmissione.

rasty++

a me da l opzione sia con il tv samsung che con la chromecast.. quindi c e anche il miracast .. :)

M3r71n0

Grazie per la risposta Rasty.
Lo chiedevo solo perchè Ray ha scritto "per android TV e chromecast" che se non erro è la stessa cosa.
In realtà dovrebbe essere per Android TV e Miracast (quindi 2 sistemi di trasmissione con scelta per l'utente).

maccio

sì, l'hai spiegato decisamente meglio tu :) non volevo complicare troppo le cose e ho spiegato di fretta intendendo erroneamente la pressione sonora XD
che poi io stesso ritengo difficile parlare di "doppio di pressione sonora", perché è un qualcosa di difficilmente valutabile e comunque soggettivo. non esiste un modo per cui il mio orecchio possa dire "questo suono è esattamente due volte più forte di questo".
in ogni caso l'errore metodologico rimane, per poter comparare le due misurazioni bisogna porsi sempre alla stessa distanza, che convenzionalmente è di 1 metro.

Fra86

La perfezione non esiste, mi devo mettere il cuore in pace.
Mi chiedo se gli articoli vengono revisionati da qualcuno.

Huawei Watch Fit, GT 2 Pro, FreeBuds Pro e MateBook 14 AMD | Prezzi e Anteprima

Huawei e il suo ecosistema di prodotti e servizi: ecco come sta crescendo

Huawei Days: fino a domani sconti su PC, Smartphone e accessori e un extra 10%

Nel 2020 presentati 230 smartphone in 7 mesi: Xiaomi, Samsung e Huawei sul podio